Pellegrini's Farm

L'azienda agricola Pellegrini va alla ricerca di prodotti ormai scomparsi, poco conosciuti.

Ogni coltivazione è 100% biologica, sfruttando la naturale fertilità del suolo, evitando l'utilizzo di prodotti di sintesi. Una delle principali colture, presenti nel nostro terreno, è quella di un antico tubero: il topinambur

Topinambur

Il topinambur è un tubero che veniva coltivato prima dell'introduzione della patata, che ne ha preso il posto, conosciuto anche con i nomi di Rapa Tedesca, Girasole del Canada o Tartufo di Canna. Noi di Pellegrini abbiamo recuperato questo prodotto per le sue proprietà, infatti è ricco di fibre, vitamine e sali minerali, eccellente per il riequilibrio della flora intestinale, adatto a qualsiasi regime dietetico, soprattutto quelli ipocalorici o destinati a chi soffre di diabete. Caratteristica unica del topinambur è la sua 'autoprotezione biologica'. Possiede infatti la capacità di non immagazzinare dentro di se nitrati, metalli pesanti, elementi radioattivi. 

Grazie alle elevate quantità di fibre insolubili (inulina), il topinambur può essere consumato per ovviare a problemi come stitichezza e squilibri del tratto gastrointestinale ma, sopratutto, contiene sostanze utili per abbassare il tasso di colesterolo e regolarizzare le quantità di zuccheri contenuti nel sangue. Per questo, il topinambur è perfetto da inserire nella dieta di chi soffre di diabete e nell’ambito di regimi alimentari ipocalorici ma anche per persone che adottano uno stile di vita salubre, appassionati di fitness, donne incinte e che allattano.

Il topinambur può essere utillizzato in cucina come fosse una patata, anche se il sapore ricorda vagamente quello dei carciofi. Il tubero fresco si conserva chiuso in sacchetti di carta, in un luogo fresco e al riparo dalla luce; meglio ancora, se possibile, in uno scomparto del frigorifero. Anche le foglie sono commestibili e si utilizzano fresche per ottimi risotti

Come si prepara  topinambur?

I tuberi vanno lavati accuratamente sotto l’acqua corrente, provvedendo eventualmente a spazzolarli per rimuovere le impurità ed i residui di terra. La buccia è sottile e digeribile, perciò il topinambur può essere tranquillamente consumato intero. Qualora si desiderasse rimuovere la buccia, si consiglia di lessare per qualche minuto in acqua bollente il topinambur, per facilitare la rimozione della stessa.

Una volta tagliati, esattamente come le patate, i topinambur tendono ad ossidarsi velocemente e ad annerirsi; per evitare questo problema si consiglia di immergere i tuberi in acqua fredda contenente qualche goccia di aceto bianco o succo di limone.

La cottura del topinambur è analoga a quella della patata, ed in effetti questo tubero viene soprattutto consumato bollito o, ancor meglio, cotto al vapore. La cottura consigliata è comunque in padella, facendo cuocere il topinambur in poca acqua ed olio, prolungando la cottura sino al grado ottimale con una eventuale, lieve, arrostitura alla fine.

Con la patata il topinambur ha in comune la consistenza e la tessitura ma, a differenza di quest’ultima, il topinambur si può anche consumare crudo, tagliato a fette e semplicemente condito con sale e pepe, oppure utilizzandolo per preparare insalate miste. Un modo originale di consumare il topinambur è grattugiato, esattamente come le carote: può così essere impiegato all’interno di minestre, zuppe, piatti misti ed insalate. Essendo il topinambur un alimento contenente carboidrati, può essere impiegato insieme a fonti proteiche (carne, pesce, uova, formaggi, legumi) per ottenere un piatto completo ed equilibrato dal punto di vista nutrizionale.

fonti: www.guidaconsumatore.com

Olio di canapa sativa

Ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi di Cannabis sativa, l'olio di canapa è un olio vegetale ricco in acidi grassi essenziali dalle spiccate proprietà antiossidanti, immunomodulanti e antinfiammatorie.

Si presenta con un colore che varia dal verde chiaro al verde intenso, possiede un odore poco marcato ed un sapore molto gradevole che ricorda quello delle nocciole. Per questa ragione è utilizzato per condire insalate, cereali, zuppe, ecc.. al posto o a fianco dell'olio extravergine di oliva. 

 

Idee regalo

Per il Natale 2016 un'idea regalo molto particolare: i prodotti provenienti dalle coltivazioni dei terreni della nostra azienda di famiglia.
L'olio di canapa sativa con il topinambur.